Patologie prostata, Tumore prostata, Intervento chirurgico

A A A


Tumore prostata, Intervento chirurgico

Patologie prostata
Tumore prostata
Intervento chirurgico

L’intervento di prostatectomia radicale consisite nella asportazione della prostata , delle vescicole seminali e quando indicato dei linfonodi iliaci ed otturatori.

Può essere eseguita per via chirurgica aperta (la più utilizzata negli anni ’80 e ’90), per via laparoscopica ( molto diffusa a partire dagli anni ‘2000) e robotica ( negli ultimi anni).

La prostatectomia radicale è molto efficace per i tumori limitati alla prostata, tuttavia può causare danni ai nervi in grado di alterare  la qualità della vita dei pazienti. Le complicazioni più importanti sono l'incontinenza urinaria e l'impotenza.
La prostatectomia radicale è stata tradizionalmente usata come unico trattamento per un tumore di piccole dimensioni.

La chirurgia può essere intrapresa anche quando il tumore non risponde alla radioterapia, tuttavia, poiché le radiazioni causano modifiche dei tessuti, in questa situazione aumentano i rischi di complicazioni.


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]