Patologie surrenali, Patologie benigne, Laparoscopia retroperitoneale

A A A


Patologie benigne, Laparoscopia retroperitoneale

Patologie surrenali
Patologie benigne
Tecnica laparoscopica retroperitoneale

La tecnica prevede la stessa posizione  e la stessa disposizione dei trocars sia a destra che a sinistra. Il paziente viene posizionato sul fianco a 90°.
manovra digito-guidata
manovra digito-guidata
Si posizionano 4 trocars nel retroperitoneo. Si esegue il primo accesso open con incisione di 1.5 cm sotto la punta della XII costa per il posizionamento di un trocar di Hasson per l’ottica zero gradi.
Si crea lo spazio nel retroperitoneo con dito secondo la tecnica di Gaur e si posizionano sotto guida digitale 3 trocar, 2 sulla linea ascellare posteriore (uno da 5 ed uno da 10 mm) ed uno sulla linea ascellare anteriore da 5 mm alcuni cm sopra la cresta iliaca.

Si apre quindi la fascia di Gerota  posteriore e si accede al polo renale superiore.
Si distacca il polo superiore dalle aderenze con il peritoneo anteriormente, con il muscolo psoas posteriormente, con il diaframma cranialmente.
Una volta isolato il polo superiore del rene, lo si spinge caudalmente in modo da esporre la ghiandola surrenale.

Si procede quindi ad isolare il surrene sollevandolo anteriormente e coagulando le piccole connessioni vascolari e clippando e sezionando la vena surrenalica.
Se non si tratta di feocromocitoma la vena surrenalica viene isolata alla fine della procedura. Nel caso di feocromocitoma si deve isolare la vena surrenalica all’inizio anche se recenti lavori hanno riportato casistiche di surrenalectomie per feocromocitoma con la chiusura della vena al termine dell’isolamento del surrene senza modifiche della pressione arteriosa.
A destra i punti di repere sono la vena cava ed il peduncolo vascolare renale. La vena surrenalica viene trovata cranialmente al peduncolo renale. A sinistra la vena surrenalica viene isolata tra la arteria e la vena renale.

Al termine della procedura il surrene viene posizionato in sacchetto (endocatch) da 10 mm ed estratto attraverso l’incisione del trocar per l’ottica.
Decorso post operatorio

Il paziente si alza e si alimenta il giorno successivo all’intervento.
In seconda giornata post operatoria si rimuove il drenaggio se non vi sono sanguinamenti.
In terza giornata se non vi sono problematiche dal punto di vista endocrinologico il paziente può essere dimesso.
In caso di necessità di una terapia ormonale di supporto nel post-operatorio la degenza avverrà intorno alla 4-5° giornata post operatoria.



trocar
trocar
sacchetto endocatch
sacchetto endocatch
surrene sinistro
surrene sinistro
peduncolo surrenale
peduncolo surrenale
vena surrenalica
vena surrenalica


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]